lunedì 15 gennaio 2018

Frizzi, lazzi e… bon bon: col Nola Città dei Gigli è sempre festa



Frizzi, lazzi e cotillon. Spettacolo in campo e sugli spalti. Con quel pizzico di tensione e adrenalina che esaltano il pubblico del PalaSpork, che nel finale di gara si lascia davvero andare regalando momenti davvero unici (e cori davvero irripetibili). “Le cose belle nostre”, ma quelle belle veramente.
Il mix comunque è quello giusto proprio. Perché in campo lo spettacolo è per palati nobili. Contro il Volare Benevento la macchina Nola Città dei Gigli ha ulteriormente rodato i suoi meccanismi e… che ve lo dico a fare.

EFFETTI SPECIALI
Due Megafoni. Potevate stupirmi con effetti speciali e ci siete riusciti. Non uno, ma due megafoni. Onestamente continuo a preferire i cori lanciati ‘nature’, ma ammetto che quando è partita la musichetta con ‘Per Elisa’ di Beethoven sono morto.

Effetto disco. Un flash a ritmo di tunz tunz all’improvviso. Ma da dove viene. Una palla da discoteca al Palazzetto. Marò… E no, tuttappost. E’ solo un neon che fa i capricci.

Come può uno scaldino... Riscaldare il Palaspork? Davvero non lo so. Genio chi ha avuto l’idea di piazzarlo nel canestro (ma perché in uno soltanto). Alla faccia dei megatubi presenti sul soffitto. Ci ho messo mezz’ora per capire cosa fosse. Scaldino elettrico vero? Comunque: 9 per lo spirito di iniziativa, 9 per la fantasia della posizione, 10 a chi lo ha montato. Ma è uno scaldino vero? Ancora non ci posso pensare.

TORCIDA
Cori 1. “De Martino auauauaua”. Ora io non so se era il megafono o il fatto che non si urlasse tutti insieme. Però ho dovuto chiedere perché non si capiva.

Cori 2. Cioè a un certo punto avete urlato “Gol”? Davvero: gol. E chi ha segnato?

Dai Puffetta. L’incitamento arriva dall’anello superiore. “Dai puffè, dai puffè”. Ripetuto in parecchie occasioni. Who is that girl?

Canta con noi. Mi avete fatto vergonare. La prossima volta, se trovo il coraggio, lancio un coro. Promesso.

Saggezza popolare. “Antò, aspè… stamm ancora 12 a 6. Oì, metà e metà… comm o fierr viecchio”. Perdonate l’ignoranza: mi spiegate anche a me?

Level up. Una volta era il torroncino. Poi venne il boero cioccolato e nocciole e infine quello classico ripieno di ciliegia e liquore. Non la finirete mai di stupirmi. E comunque appena arrivati mia figlia ha subito cominciato: “papà ma quando ce li danno i cioccolatini?”. Poi vabbé ne ha azzannato pure uno al liquore… Ma, come dico sempre: tutta salute.

IN THE BOX
La classe non è acqua. Missile terra aria di un attaccante avversario e stop al volo di destro di coach Della Volpe, con la palla che si incolla al piede. Applausi.

Twisting. Non so se è la tensione della contesa. Ma delle gambe attorcigliate (per gran parte della partita) di coach Luciano Della Volpe ne vogliamo parlare. Cioè quello sta in piedi durante tutta la partita con le gambe incrociate. (Ci ho provato, posso chiedere come caspita fa?). E poi le braccia. Incrociate così tante che a volte sembra portale dietro le spalle. A momenti temo che possa incastrarsi… Avviso alla società: io un barattolo di svitol lo terrei a portata di mano. 

Uaaaa… Secondo set. Ricezione a una mano in volo plastico con colpo di reni. Mamma mia e che ha combinato la D’Alessio. Mi ha ricordato certi voli di Gillet.

OI DIALOGOI
Paura… tutto per te”
“… anche perché se non la faceva entrare tornava a casa che teneva le braccia di due metri” (sto ancora ridendo, giuro).

“Arbitro ti puzza il fiato”.
“Zitt che ci fanno la multa”.
No, veramente chill so e fumogeni…

P.S. Il 16+1 è da standing ovation. Chiedo scusa per la foto: meglio non sono riuscito a fare. Avevo una figlia a carico.

Aggiungi didascalia

giovedì 4 gennaio 2018

Nola-Picciola: tutta nata storiaaa



Ammetto: non è stato affatto facile. Stati d’animo e umore che facevano ripetutamente a cazzotti. Poi la pioggia. Che fa tristezza. Alla fine comunque il Nola ha vinto. Ed è questa la cosa più importante. 2 a 0 che con un pizzico di fortuna sarebbe potuto diventare pure 3. Ma va bene così: schiuccat e man. Stavolta, si… si può finalmente dire: la musica è cambiata. Onore al direttore, al maestro e alla banda.

Tutta 'Nata Storia. Alla fine è bastato davvero poco. Rivoluzionare il centrocampo, con tre innesti di livello. Un allenatore che sa quello che vuole. Et voilà… In campo è tutta un’altra musica. Com’era il fatto delle salsicce, Carmine Esposito

Sulo pe’ parlà. Don Ciccio si lamenta. “Ma invec e parlà, veritv a partita”. “Don Cì ma no parliamo della partita”. “Ehhh, ma a mè non mi piace o sottofondo”.  

Je sto vicino a te. Ecco. Onorato dall’onorevole Manfredi. Che dalla tribuna ha partecipato attivamente alla partita. Pure troppo attivamente. Si contenga, cribbio.   

Gente distratta. Mi so perso il gol di Scielzo. Perché? Domandate a Mario Crescenzo. Mannaggia tutt cos, mannaggia. E poi è inutile che scherzate sul replay.

Schizzechea. Primi schizzi. Bestemmie random. Da parte di tutta la tribuna nord. Arapit e mbriell.

Ce Sta Chi Ce Penza. “Non vi preoccupate. Ora ci metto io una buona parola” (cit. M. M.). Muoro…

Quanno Chiove. Si attiva la modalità “sì ma la tribuna coperta?”. E a me, per la prima volta, non è che me ne sia fregato molto. Io mi volevo solo vedere, e godere, la partita. Pure sotto la pioggia. Che, sotto sotto, mi piace di più. 

Carte e cartuscelle. Quelle dei torroncini che sono mancati a tutta, e dico tutta, la tribuna nord. State diventando LEGGENDA

Si Forever. Felì, ma quanti aggiornamenti hai ricevuto. Pure sbagliati.

Che Dio ti benedica. Comunque sì, Improta ha un problema serio, serissimo con i gol facili facili. Questa volta è riuscito a fare palo. Patatern (mittc a mana toja).

Tempo di cambiare. “Il mister deve cambiare Vaccaro. Si vede che non sta bene oggi”. Oh, pochi secondi e Vaccaro trova il raddoppio. Si ride. “No vabbè, però hai visto che lo ha cambiato lo stesso”. 

E Cerca 'E Me Capì Incomprensioni. “Aoooo, cercat e v capì”. No, ma quello uno è napoletano e uno casertano. Scielzo e Sacco in campo sentono. E se la ridono.

Saglie saglie. Tagliamonte e il fuorigioco: una storia d’amore lunga 18 minuti.

Chillo E' Nu Buono Guaglione. Finalmente Falivene. Non che non abbia commesso errori, ma la caparbietà con cui ha giocato mi è piaciuta. Finalmente Colonna. Tanta sostanza e poco forma. Proprio un soldatino. 

Anema e core. Inchini, saluti, applausi e tante risate. Aeee, mister Liquidato stiamo col cuore nello zucchero… Ed era pure ora.

Lazzari felici. Com’è bello rivedere sugli spalti “nolani doc” che sono emigrati. Francesco Ruggiero e Raffaele Napolitano su tutti, ma anche altri. Presenze fisse nei ricordi di un’adolescenza e di un Comunale che non c’è più. Ahh, tiemp bell e na vota. 

PS. Special thanks a chi sopporta e supporta.


lunedì 18 dicembre 2017

Nola Città dei Gigli: parla solo il campo (gli spalti però non stanno certo in silenzio)



Per la prima volta da quando, un annetto o poco più, scrivo queste “pezze a colori” di cronache e racconti dagli spalti (prima del calcio, poi anche della pallavolo) non troverete, tranne una sola piccola, piccolissima eccezione, riferimenti alle atlete e al loro stare in campo o giocare.
Non riesco neppure a immaginare come possa essere una partita perfetta nel volley. E non voglio neppure provarci. L’impressione che ho avuto dagli spalti subito, sin dalle prime battute, e che sabato sera poche squadre sarebbero riuscite a uscire imbattute dal PalaSpork. E le avversarie (seconda in classifica con una sola sconfitta in stagione) lo hanno capito dalle prime battute. Quindi che senso avrebbe raccontarvi scherzosamente delle urla rabbiose della De Martino e di D’Alessio, della spietata freddezza di Drozina, dei colpi infallibili della Pericolo, delle prestazioni impeccabili di Prisco (sbaglia nulla) di Paura, del grande sacrificio di Palazzolo.  Sabato sera tutto al palaSpork emanava un’energia positiva e vincente. E tutte, tutte, ma proprio tutte (pure le “bad girls” sempre in castigo nell’angolino) le ragazze hanno messo in chiaro le cose nei confronti delle puteolane: “Belle, ma addò jate”. Decise, agonisticamente cattive e incazzate, mentalizzate e proiettate verso un solo e unico risultato possibile. E alla fine 3 a 0 (pieno, pienissimo) e tutti a casa. Felici e contenti. E’ stata una bella musica, una gran corale. In campo quasi una danza. Che mi è quasi venuta la voglia, alla fine di chiedere il bis.
Ecco perché qualunque cosa andrei a scherzosamente raccontare sarebbe una macchia. Sporcherebbe una vittoria, non renderebbe merito alla prestazione. E la dea Eupalla, nume tutelare supplente della pallavolo, se la prenderebbe col sottoscritto (che già non è che se la passa proprio bene). Sicuro proprio.  E, caro coach Della Volpe, lei non ha idea come le è andata di lusso….

Gli spalti
Ho visto la partita nel cuore della tifoseria. In mezzo al nocciolo duro dei “torroncini boys and girl”. Un uomo solo in mezzo a tante donne. Mi hanno coccolato (a botta di boeri e cioccolatini), dato lezioni di fair play, suggerito, stuzzicato, preso pure simpaticamente in giro. Mancava solo uno, anzi una, che quando mi giravo mi dava i cuppitielli da dietro e poi tutte con dito alzato.

Streching 1. Streching o qualunque cosa sia: per me hai vinto. Canta (credo, o recita qualcosa… non lo so) a tempo ad ogni tocco di palla. Esultanze coreografiche. Balletti strani e simpaticissimi (“style break dance”, che sono un over 40 e non saprei come definirlo). Giuro a metà terzo set ho strabuzzato gli occhi e pensato: “uàà, ma che sta cumbinann”. Streching o qualunque cosa sia: Simona Ruotolo ti sei meritata la menzione. Sei tu l’unica eccezione. Attenzione, “bad girls” all’angolino. Vi tengo d’occhio.

Il punto di rientro. Esiste qualcosa di più complicato del fuorigioco di rientro. Si, il punto di rientro. Cioè se una palla va fuori dalla banda ma nel lato avversario del campo può essere ripresa e passata indientro ma all’interno della banda. Altrimenti è punto per la squadra avversaria. Ci avete capito qualcosa? No? Ecco. 

La prima legge dell’abbigliamento tecnico nella pallavolo femminile. Quando si affrontano due squadre non importa di quante ragazze saranno composti i rooster, non troverai mai un paio di scarpette uguali all’altro.

La seconda legge dell’abbigliamento tecnico nella pallavolo femminile. Non importa di quanti colori possono essere le scarpette delle giocatrici, ci sarà sempre qualcuno (o qualcuna) a bordo campo che indosserà una sciarpa e un cappello che li racchiude tutti.  

Agenzia matrimonale. Giuro è successo veramente. “Scusate, ma qualcuno conosce quella signora col cane? No perché mi sembra la stessa razza di quello di un’amica, lei sta cercandone uno per accoppiarlo”. No, signore care… Ma davvero state facendo. Io lo scrivo. Però…

Nuovi cori. Vi ricordate la scena del rosario in Gatta Cenerentola? Ecco… Quando parte il coro: “uno, due, tre… Quattro” a quello ho pensato. Attendo immediato un “cinque, sei, sette, otto” che non è mai arrivato. Mi sono rifiutato pure di ascoltare le motivazioni. Mi basta sapere il motivo per domandarmi. Ma perché? Sto ancora ridendo. Brave, comunque.

Cori vecchi, pure troppo. Gentile vicecapa ultras “lady B” (non si offendano le altre, ma la tifoseria non può prescindere dalla sua presenza), posso chiedere di non sentire più il coro anni 80 sulla scia di “Carè, Carè, Carè, tira la bomba tira la bomba”. Ma può mai essere che dopo 30 anni non riusciamo a trovare di meglio. (Scusate ma mi avete provocato).

Streching 2. Fine primo set. Si sgranchisce le giunture con movimenti circolari. Prima le spalle. Poi braccia e gambe. Movimenti ripetuti prima di entrare in campo. Giusto, se si trattasse di un atleta. E invece no. Trattasi di Rosario “ProDUCKtion” Spanò (hai visto, sei stato nominato). Davvero dura, durissima la vita del fotografo. 

Alla consoooole 1. Per quanto mi riguarda già sapete: non smetterò mai di chiedere la marcia dell’Aida (vico Piciocchi style). Mi sto muovendo pure per una raccolta di firme. Per il resto già sapete. Il revival anni 80 mi fa consolare (propongo “su di noi”. Nonostante qualcuna (un nome a caso che inizia con la R) tiene un poco da ridire… ma richieste non ne fa.

Alla consoooole 2. Gentile Alfredo Diana, adesso la verità ce la puoi dire: dopo che hai finito di fare il preparatore atletico, vai a fare il dj e l’animatore nelle più famose discoteche di Napoli e provincia. Tranquillo. Non c pigliamm collera...

Alla consoooole 3. “Luciaaaa già sai’”. Che cosa? ‘O putimm sapè pure noi. Chiede qualcun… a dalle tribune.

Lezioni di fair play 1. “Perché chiede scusa del colpo? Mica l’ha fatto apposta. E’ una fase di gioco”. “Ma qua funziona così. E’ una questione di fair play. Ci teniamo tantissimo”. Mi devo imparare.

Lezioni di fair play 2. Ammetto che ogni tanto mi è partita l’imprecazione scostumata (ma pure di più) anche se a denti stretti. Prontamente e con gran signorilità sottolineata dalla vicina di seduta, con disquisizione sul “tifo”. Sempre pro, mai contro. A prescindere. Mi devo imparare.

Torroncini o boeri. I torroncini sono oramai un lontano ricordo. Caro Andrea, ora puoi pure fare a meno di andarli a prendere ogni volta (ebbene si, mi hanno detto tutto). Per me i boeri hanno arrevutato. Io la mia scelta l’ho fatta. A questo punto lancio un sondaggio virtuale: meglio i torroncini o i boeri? Votate in tanti. (lo so, lo so… sto proprio esagerando).