martedì 5 settembre 2017

La ZTL sta per partire: viaggio alla scoperta di dissuasori e telecomandi, catenelle scomparse e giostrine sporche (che non c'entra con la ztl ma vabbè)



La Ztl. Finalmente ci siamo. “Sta per partire”, ma veramente. Ieri la notizia, rimpastata, che I RESIDENTI DEL CENTRO STORICO possono richiedere i telecomandi per azionare i dissuasori a scomparsa e presentare richiesta per accesso in zona ztl. 

Cosa sappiamo e chi può richiedere. In attesa che vengano rese pubbliche le modifiche ad uno dei 3 articoli (ehh lo so, si sono sforzati) del regolamento ZTL del 2010 (leggi qui https://www.comune.nola.na.it/images/stories/Regolamento_ZTL.pdf) dalla documentazione presente sul sito del Comune di Nola apprendiamo che le richiesta di accesso (modello 1) e di telecomando (modelli 2, 3, 4 e 5) possono essere presentate dai residenti nel centro storico (e i domiciliati? Come da art. 2 comma 1 b) che hanno però la disponibilità di un “posto per il proprio veicolo sito nel box/garage” (e dimostrare il tutto con copia contratto di fitto o di proprietà del box o posto auto). Sulla carta (cioè quella dei modelli 2 – 3 - 4 - 5) pure gli esercenti possono richiedere il telecomando (vedi ordinanza P.M. n.9 del 17/5/2017) ma solo se in disponibilità di un “posto per il proprio veicolo sito nel box/garage”. Adesso lo so, la situazione potrebbe sembrare complicata, magari i RESIDENTI e gli ESERCENTI che hanno dubbi potrebbero provare a chiedere spiegazioni a chi di dovere, che poi sarebbe lo stesso che “a ntrasatta” ha lanciato la bomba della ztl festa dei gigli senza che l’amministrazione sapesse nulla. In alternativa provare a presentare richiesta di accesso e di telecomando a prescindere. Poi si vedrà.

I dissuasori. Oltre quelli storici in Piazza Duomo, i dissuasori sono posizionati nelle seguenti vie e crocicchi: via Flora ad intersezione via Principe di Napoli (modello 2), via Vicolo Duomo ad intersenzione Piazza Colleggio (modello 3), Corso Tommaso Vitale ad intersezione di via Ciccone (modello 4), Corso Tommaso Vitale ad intersezione di via Notaris (5). Per gli altri varchi (via Santa Chiara – Piazza Santorelli, Piazza G. Bruno lato Porta Napoli, via San Paolino Angolo via Annibale) bastano il sistema di videocamere con annesso semaforo e display (tipo io non posso entrare). Risalire al costo di tutta l’operazione dissuasori è davvero problematico (non so perché mi ricorda un certo gioiellino). Tra videocamere montate, scassate e riparate, montaggio dissuasori e catene, riparazioni, montamenti e smontamenti di dissuasori con  catene, appilamenti di buchi e varie sono state spese cifre che non voglio e non riesco a quantificare (il mondo delle determine dirigenziali della P.M. a volte è davvero fantastico). Senza dimenticare sta caspiterina di determina 109 che non sono riuscito proprio a trovare (magari il buon Trombone può darmi una mano) “a firma del Comandante Luigi Maiello … pubblicata … per ulteriori acquisto di paletti, dissuassori, fioriere e di altri elementi di arredo urbano per le strade e piazze cittadine al fine di migliorare la vivibilità e la sicurezza della Città per la somma ( così si legge nella determina) non superiore all’attuale disponibilità sul capitolo “Decoro Urbano” Anno 2017 di €94.510,00” (fonte ilCazziblog).

Le catene a scomparsa. Con la ZTL che sta per partire, sorge spontanea una domanda: ma ora che si chiude la strada a cosa servono i paletti in via Santa Chiara e via San Felice? Ad un c***o. Tralasciando la splendida valenza decorativa (siete riusciti a rovinare una strada storica della città, chapeù principi e principesse), mi domando la loro utilità visto che, dalla Festa dei Gigli sono stati rimontati i paletti ma non le catene. Mi faccio portavoce di mia figlia Sofia (quelle catenelle erano il suo spasso nella strada verso scuola): ma addò stann? Si sono perse? Sono state sequestrate? O qualcuno le ha prese in ostaggio (#freecatenelle)? E soprattutto coloro i quali si erano fatti portavoce di questa battaglia per anziani e meno fortunati ora dove sono? Lo vedono che senza catenelle assai spesso i motocicli e qualche citycar ostruiscono il passaggio? Magari chessò, pensare a una roba tipo “adotta anche tu una catenella”.

Le giostrine sporche. E mentre la piccola Sofia si dispera per le catenelle a scomparsa, gioisce per le giostrine in Piazza D’Armi. Per evitare fastidiosi frignamenti e rotture di scatole, la piccola sa che non possiamo andare sulle giostrine in Piazza D’Armi perché sono sporche. La cosa ha colpito così tanto mia figlia che ogni qualvolta passiamo in zona le indica e dice: “Papà guarda le giostrine sporche”. Ecco, in un assolato e caldo mese di agosto, arriva la determina giostrine. In data 17 agosto (l’amministrazione non va mai in ferie) infatti viene affidato l’incarico professionale per "rilievo, elaborazione nuova soluzione delle attività mercatali e parco giochi nell’area mercatale all’interno di Piazza d’Armi". 4mila e passa euro ad un consulente esterno (determina dirigenziale n. 100 ). Volete sapere chi è e a chi appartiene? Naaaa, non ve lo voglio dire. Di sicuro è una cosa che non poteva essere fatta (violazione art. 32 del regolamento generale dei servizi e degli uffici del Comune di Nola), ma tant’è. Mi/vi domando, neppure un poco di furbizia e utilizzare un loggerhead come sovente si fa in certi casi. E jamm bell. Me/ce lo fate proprio in faccia. Lo so, lo so… "abbiamo perso le elezioni e ci dobbiamo rassegnare e la politica è un’altra cosa" (cit.). Comunque alla fine nessuno dirà nulla. Tutti contenti, pure mia figlia Sofia. E questo è quanto.

lunedì 28 agosto 2017

Il fantastico mondo del copiaeincolla (quando il pezzotto diventa arte ed espressione di genialità)



Premessa: la cuntrora domenicale estiva è un tempo immoto. Per gli antichi se uscivi rischiavi seriamente di venire posseduto da divinità, quali le ninfe, che avevano il potere di invasare e possedere gli incauti che andavano fuori. Se poi, come me, hai il piacere di avere come amiche qualche ninfa rompiscatole, puoi star certo che non c’è rifugio che tenga. Ti vengono a pigliare fino al divano di casa. Questo post nasce da una cuntrora domenicale estiva andata a male, o bene… e prosegue nella cuntrora lavorativa di un lunedì postpost feriale…

Ho poco tempo. E quindi niente preamboli o logorroiche elucubrazioni: oggi vi parlerò di Nola e del copiaencolla.
Io non lo so chi ha cominciato per primo. Se un impiegato o un assessore. Sta di fatto che, nella casa comunale, il COPIAEINCOLLA è diventato un vero e proprio marchio di fabbrica. Si copiaenicollano idee e progetti, si copiencollano atti come determine e delibere. Si copiaencolla da altri enti pubblici, si copiaencolla tra i vari assessorati. Si copiaeincolla a pezzi, usando fantasia e creatività. Sta diventando una vera e propria forma di arte. Il copiaeincolla espressione di estro e genialità. E se l’assunto “la forma è sostanza” vale per me come per altri, allora non ci sono dubbi: questa è l’amministrazione del copiaencolla. Iubilate gente.

Rimini, Porto Recanati e Nola: gemellate per l’ordinanza contro la prostituzione. In riviera (marchigiana e romagnola) ci combattono da un po’. Noi a Nola da un annetto. La prostituzione è simbolo di degrado (culturale, sociale, dell’essere umano), se poi ciò avviene a pochi passi dal ‘salotto buono’ della città urge un rimedio. Con notevole ritardo, il primo cittadino di Nola, il sindaco Biancardi ha emanato un’ordinanza. Era pure ora. Un’ordinanza impeccabile dal punto di vista formale e sostanziale. Stava quasi per partire un applauso, quando, mosso da dubbi sostanziali (e soprattutto posseduto dalla maledizione delle ninfe della cuntrora), trascrivo una frase dell’ordinanza su google. Et voilà (cit.). )Dopo l’ordinanza antiprostituzione del Comune di Nola spuntare quella del Comune di Rimini. E poi un’altra frase e di seguito..spuntare quella del comune di Recanati (con qualche rimpasto qua e là) et voilà (cit.). Riga dopo riga, parola dopo parola ammiro l’arte del copiaencollatore comunale, bravo nel sostituire, aggiungere, modificare e talvolta rimpastare (porprio a me, che vengo da anni di scuola Mediapress)… Per fare certe cose ci vuole pure una capacità. E a Nola, al civico 1 di Piazza Duomo sono dei veri e propri artisti del copiaencolla. Nulla da dire. Roba da patrimonio mondiale della copiaeicollità.
Non mi credete? Lettori di poca fede: ecco i link http://www.ilcittadinodirecanati.it/porto-recanati/34968-ordinanza-del-sindaco-per-contrastare-fenomeno-della-prostituzione, nel caso l’intera ordinanza è reperibile sull’albo pretorio del Comune di Porto Recanati, cercando la n. 148 del 31 luglio 2017)

Agosto nolano e giugno nolano: una determina, stessi errori. Onestamente, quando nella cuntrora, mi sono imbattuto nella determina n.1143 (Estate a Nola. Affidamento organizzazione di n. 6 serate di intrattenimento e svago ditta Play Animation s.n.c) dell’11 agosto 2017. Scorrendo la determina resto piacevolmente colpito dal fatto che, finalmente, l’assessorato in questione è riuscito ad affidare un incarico senza “carattere di urgenza”, interpellando una serie di azienda e riportando tutto all’insegna della massima trasparenza. Poi noto degli imbarazzanti errori, evidenziati da una linea a cancellare ed nello stesso evidenziare l’errore formale e sostanziale. Roba già vista. Si, ma dove. Poi mi sovviene che, per la preparazione degli articoli sul giugno nolano mi ero imbattuto negli stessi errori. Errori riportati nella determina n. 865 di un altro assessorato (Affidamento ring combattimento per manifestazione del 01 luglio 2017 c/o Piazza Duomo). Oh, proprio uguale uguale: brutta figura per una, brutta figura per l’altra. Se non ci credi vedi la foto. Chi ha redatto la determina (il nome è in fondo all’atto) e chi doveva controllare (dirigente, assessore o segretario comunale che sia) non ha controllato et voilà… Il copiaencolla è sgamato. In pratica viene fuori che si copiano le determine tra assessorati. Certo, dirà qualcuno, ma tu guardi queste piccolezze. Lo so, lo so, sono un fissato… ma come si dice: la forma è sostanza. Ora è vero che certuni atti pubblici sono uguali, ma almeno leggerli e modificare certi strafalcioni. Così mi sa tanto di presa per i fondelli. Mi sa che il copiaencollatore di turno non teneva troppo genio di copiaencollare.

PS. Mi spiegate perché sempre e solo nella cuntrora?   

PS.2 Si ringrazia il maestro che, con le sue ricerche, mi ha disvelato il fantastico mondo del copiencolla comunale. (va bene così, sei stato citato).